venerdì 9 ottobre 2015

Guardiamo le cose da un punto di vista più alto.

Come le energie si muovano è spesso difficile da percepire per la mente razionale. Essa può cercare una spiegazione logica ma questa non è supportata dalla consapevolezza dell'essere.
Capire non è sentire, vivere le esperienze in prima persona pienamente consapevoli e presenti, connessi all'anima, alla matrice energetica, all'universo intero, al Tutto, è una cosa che la mente razionale ha qualche difficoltà a concepire.
Mi riferisco soprattutto al mondo occidentale dove i condizionamenti e gli insegnamenti hanno portato a ignorare sempre di più il collegamento tra corpo-mente-spirito scollegandoli l'un l'altro.

Il caso non esiste, tutto è perfetto così com'è, qualsiasi cosa.
Se non avessimo affrontato quella determinata esperienza ora non saremmo così come siamo, e per quanto bella o brutta possa essere stata essa fa parte di noi e solo noi possiamo trarne insegnamento o lasciare che in qualche modo si ripeta, finchè non impariamo la lezione.
Quante occasioni abbiamo perso? Occasioni per poter essere ciò che siamo, ciò che sentiamo dentro, al livello più profondo del nostro essere. Occasioni per poter dire ciò che in quel momento avremmo voluto dire, di poter fare ciò che la nostra intuizione aveva portato in superficie.
Quante volte non avendo seguito ciò che sentivamo nel profondo poi abbiamo continuato a reprimere una parte o anche tutto il nostro essere?

La questione è che siamo qui, nati su questo pianeta, per un motivo ben preciso, ripeto nulla è a caso.
Può essere che questo scopo sia aiutare una o mille persone, non ha importanza su una scala di valori siamo tutti unici e speciali, tutti.
Ognuno con i propri tempi e modi (le vie sono infinite e ognuno ha il proprio paio di scarpe) potrà guarire le ferite interiori di una vita. Con sempre maggior consapevolezza, presenza e connessione potrà lasciare i pesi che rallentano la salita e tagliare le catene che impediscono di prendere il volo.
Sta a noi, solo a noi. Nessun salvatore, nessun messia.
Siamo tutti connessi e ad un livello più alto ci teniamo tutti la mano possiamo dire.
Che l'evoluzione sia cosa facile non l'ha mai detto nessuno ma una volta compreso accettato e percepito che siamo energia allora inizieremo a fluire.
 Sta a noi riconoscere cosa ci portano, quale specchio e quale lezione, le persone che entrano nella nostra vita. Se iniziamo a vedere tutto da un punto di vista più alto allora riusciremo a cogliere tutti i messaggi e riusciremo a farne degli strumenti preziosi.
Abbiamo il potere di scegliere come indirizzare la nostra vita, nel bene e nel male, nella luce e nel buio. Una prova potrebbe essere dire si o anche dire no, sta sempre e solo a noi riconoscerla, ma una volta superata la sensazione che proveremo sarà di leggerezza, sarà di gioia interiore e pace.
Il dialogo interiore e le voci dell'ego saranno zittite poichè avremo agito secondo l'amore universale.

Quindi anime belle facciamo questo passo in direzione di una nuova meravigliosa realtà da vivere, cambiamo paradigma, cambiamo tutto ciò che ormai è vecchio e non risuona con le leggi dell'amore soprattutto. Possiamo farlo e in amore la paura svanirà, quindi....c'è da ballare? E allora balliamo!