giovedì 20 novembre 2014

La storiella magica da raccontare a chiunque prima di fare la ninna..

C'era una volta una gara di ranocchi.
L'obiettivo era arrivare in cima a una gran torre.
Si radunò molta gente per vedere e fare il tifo per loro.
Cominciò la gara.
In realtà, la gente probabilmente non credeva possibile che i ranocchi raggiungessero la cima, e tutto quello che si ascoltava erano frasi tipo: "Che pena!!! Non ce la faranno mai!". I ranocchi cominciarono a desistere, tranne uno che continuava a cercare di raggiungere la cima. La gente continuava: "...Che pena!!! Non ce la faranno mai!".
E i ranocchi si stavano dando per vinti tranne il solito ranocchio testardo che continuava ad insistere. Alla fine, tutti desistettero tranne quel ranocchio che, solo e con grande sforzo, raggiunse alla fine la cima.
Gli altri volevano sapere come avesse fatto. Uno degli altri ranocchi si avvicinò per chiedergli come avesse fatto a concludere la prova.
E scoprirono che... era sordo!

...Non ascoltare le persone con la pessima abitudine di essere negative... derubano le migliori speranze del tuo cuore!
Ricorda sempre il potere che hanno le parole che ascolti o leggi.
Per cui, preoccupati di essere sempre positivo!
Sii sempre sordo quando qualcuno ti dice che non puoi realizzare i tuoi sogni.
(La parabola del ranocchio sordo - anonimo)




Io aggiungo solamente che vi auguro di diventare quei ranocchi sordi rispetto a ciò che vi dicono le persone in uno stato negativo e rispetto a ciò che la mente vi sta facendo pensare in un qualsiasi momento negativo (paura con le sue figlie).
Siate recettivi verso il vostro cuore, verso la vostra parte divina connessa al tutto, essa vi parla con le intuizioni, con le idee ispirate, con tutti i pensieri pieni di amore.