sabato 30 agosto 2014

Pensieri di una pazza estate.

Apro gli occhi, mi sto svegliando.
Il mio innamorato a fianco a me apre gli occhi e mi sorride con la faccia tutta stropicciata.
Ŕoy dorme su un cuscino a fianco alle mie ciabatte, lui ha già capito che ci stiamo svegliando. Ha il radar e come giro la testa verso di lui infatti è li bello scodinzolante, con il suo alitino del mattino, che è uguale all'alitino di tutto il giorno, pestilenziale e aringhesco.
Betti dorme in un angolino dietro al comodino a lato del mio innamorato preferendo questo al cuscino-cuccia per la notte, lei si sveglia emettendo un grugnito cinghialesco e poi ti guarda con gli occhi più dolci del mondo, scondinzola da signorina, con la punta della coda lunga e nera, tutta piccina e rannicchiata.
Loro lo sanno che ora arriva il momento più bello del risveglio: si sale sul letto per il buongiorno! Roy non vede l'ora, mi alita in faccia tutto contento, felice di trovarmi sveglia per prendersi le coccole, così un cane da un lato e l'altro cane dall'altro ci coccoliamo felici.
E inizio la giornata felice.
Chiudo gli occhi, mi sto addormentando.
Ho appena dato la buonanotte al mio innamorato augurandogli sogni d'oro e stringendolo forte, ringraziando tra me e me per questi momenti così 'friccicore' (Sensazione di peperoncino e gioia mischiate.)
E finisco la giornata felice.

Penso che siano due momenti sottovalutati in generale. Risvegli che cominciano brontolando, di corsa, già in ansia per la giornata. Non ci diamo il tempo che ci serve per cominciare in relax e soprattutto per dominciare felici e sprizzanti di gioia.
Ognuno ha la sua via per essere felice, non cercate ispirazione fuori per finire col copiare qualcuno perchè così fanno i più, cercate di valorizzarvi un po' di più, non si può essere felici imitando o cercando di emulare la vita di un'icona. Gli insegnamenti che raccogliamo mettiamoli in pratica facendoli nostri, usando discernimento e cuore.
Ci si può svegliare con la musica, cantando, visualizzando la giornata e creando la realtà, autocomplimentandoci per la bellezza che vediamo in noi, facendo ginnastica esempio il saluto al sole e ovviamente salutando gli animali che vivono con noi o quelli che vivono fuori da casa.
Ci sono mille e mille modi. Anche fosse che siamo in una situazione in cui il tempo è poco cerchiamo di agire e cambiare le cose se non ci piacciono piuttosto che trascinarla ancora e ancora.
A parer mio le situazioni si ribaltano nel momento in cui in piena consapevolezza si iniziano a vedere le cose in modo diverso.
Responsabilità e accettazione, fluire e lasciar andare, gioire ed entusiasmarsi.
Poi sorridere alla vita sarà più facile, almemo nel quotidiano.
Come si può sorridere alla vita se il mondo è invaso da negatività? Pensiamo alla gioia e non alla sofferenza, facciamo pensierini pro gioia e non contro la sofferenza, inizieremo a vibrare in maniera diversa.
Essere felice dentro ti permette di non farti travolgere da tutto ciò che il sistema organizza.